precedente indice successiva
čALM~IJCCÔ, 26/11/1985 Ke Skifo 

Karo amicko, te sei a Limena e noantri a Jalmikko (licenza poetica), gabiamo pokansi riccievuto la tüa gustosa nonkè folkloristika missiva, epperquindi c~i (ci tildata = "c" di Guardabaso = watch-down) àprestiamo a rispondarti. Aaaahhsì, e no gho kapìo! Ah vedemo ke nela tua letara ti ritieni òn abitante del Sud (profondo = terùn). C~iò c~i rende 'rgolliosy parckè ghavevi ssempre ditö di essare nordiko,invec~e sei un magho e beffölko perchè adesso dic~c~i la verità. Voi del sud (detto in tono isspregîativo) siete dei maghi e îppokrity parckè non sapete ke il paròn dela rakkolta de Totem è lontano, ma anke vicino e vigila (no in 'talian = vigilessa). Mistero dell'ubiquità (kosa ke no se magna ma se varda).Trêmè, trêmè, tu e i too amikko ke si alssa e kamina (no in 'talian femana del kamino, nel senso di kana fumaria, c~iminiera e affini).

[NOTA FONETICO-ORTOGRAFICA: c~i pregiamo di informarla cke è un injorante parkè ah dito nela sua epistola ke la "c" di Guardabasso andava indikkata con " :c~ "; invecce non è un organo maskile vero, parkè le norme prevedono ka venga invece skrita kussíkome la skiviamo nîantrî, pena la radiassione dal'ordene delli skribani in lingua madre, perciò, karo il nostro riformista, vadî a farsi sodomissare e si adegui. Grassie]. Dikka a suo amiko s-arpente s-inuoso (ka si alsa e pò strissia kome 'na bissia nell'erba lissia) ke ah perfettamente rajjone ekkenôi skriviamo ad lei parkè è ll'unico ke c~i può konprendare, visto ka siamo dela stessa sòka linguistica (par li innioranty: soka = cepo, tàpara).

Rispondemo ae domande 'ssilanti ka lei ci pone kon tanto 'rdore; 'ndemo par ordane: baldî spunc~î = alegre spine o burbe nel senso di freskî fanti, c~ioè fanti péna nati, cioè neofanti, diverso da lesto-fanti, ka vorebe dire fanti veloc~i.

Karo amiko, lei c~i chiama Rombi = Rombo + Rombo = 2 Rombo, e c~i trata kome dèei merc:enari, e invec~e noantrî ajgiamo soltanto par questioni d'odore (onore kol rafradore).

>RPS1( = Risposta al PS1). Le Supreme mani sarebaro oltremodo altresì kuele del nostro ten. col. grand. farabb. figl. di pött. disgr. maled. ass. lup. mann. giraff. zebr. ornitor. kaiman. guf. Marièto Macino, kolui ke tuto può e nulla fà nel senso de æavorare.

>RPS2 - Siamo altresì oltremondo kontenti ka ta tè Rikkordi 'ncora kome ka sa skive in lingua madre.

>RPS3 - Il cap, ke non è poi il Cretino Appostato Perentoriamente, o il cappitano, ma bensì il codic~e di aviam. postalico, pultropo non lo possiamo appore parkè adeso c~i trasferiskono, e alora (Perosso docet) quando ke noi lo habiamo telo metiamo ( no lì ma elo supporto kartaceo, ovvero involucro bustaceo).

Kome ci aprestiamo a dirtî, joba(dì) c~i portano (de-portano) a Folliano del Re de Püllia rente a Big-Hawk-Mountain (par li innjoranty = Monfalcòn). Eccuindi qoando ka saremo rivài in kal posto ameno ta mandemo el new (niù) address (indrîss). Ci ghano di nuovo meso insième, mi e kealtro, ke sarissimo poi Maldo e Boregian. C~ierca alfine de essare pì c~eare (veoc~e), parke a se ghevimo ancha stufà de spetare, ostrega.

[NOTA CRITICA: Kuesta epistola è stata skrita in tea betoeä "Dalli Amissi" parkè da Armando ce lo voleva infilare kaminando, (e col fredo; almanco qoa fa pì kaldo). Kuesto spiega anka le makie de patate frite sòea presente e le altre sono delli skàpari dovuti dala tosse kanina e kativa ke ci à buggeratoi forsanco entrambi.]

>CITAZIONE - "...lo volliamo scbàttere kuel takko, diokaro ?!" (letto con cadenza romanniola ).(Ten. Tironi, 4^ Compagnia, cas. Vinicio Lago, Jalm-ico).
>PROVERBIO: Mellio una marcia ogi ke 'na guardia dimani.
>PUBLICITA' 1 - Per denti sani e splindenti, pasta del Ten. colonello. Denti sporki ed alito cloacaceo da aljo putrefato.
>PUBLICITA' 2 - Consilliamo di acuistare l'inedito a fumetti: "Una storia assurda" di imminente pubblicassione a cura di Baldo, testi di Baldo e Loregian; ed. N.A.J.A. 1985 all right reserved.

Li Skonvolti e Skopiatî fanti non più rekluti te salutano dal vilajeto de Galmîçço ke speriamo 'rdentemente di lassiare subitaneamente. Amen, ora pro nobis e por vobis.

Baldo Luca & Maurizio Loregian

 

precedente indice successiva