precedente indice successiva

Limena, primi del'ano 1986

Vostra Eceensa del porko e fuory

te respondo, par grassia del Signore, del Padre, del Fillio, del Spirito (Alcool), del Santo e anca del Duomo in persona e ossi ke sono cuì kche sto sul so...fa, so_fa... ... a so fato sa . Poichè ke è presto, il fato ke io sya 'vanti parekio di matina bonora è un segno ineccuivocabile dela depravassione violenta ke mi è kaskata indosso in te kuesto pariodo di ferie prevertite. Ma sento ke anka da voi in kodesto pariodo del'ano, va molto de uso darghe drento coi distiati alcoici, cussì me sento pì in conpagnia e non me pare più de essare l'unico a essarme perso pae strade del vissio! Morte ala pilola atea e nocciva, par l'aspirina si gridi eviva !
Go sentito el stratolto de Bildo Baldo cke è tornato a kkasa in icenssa ministeriale e mi ga telefonato a kkasa (mia) (anka se no se vede ea difarensa) el ultimo del'ano verso ee dò par dirme ke a Roma (non ajungo altro parkè ormai a no serve più) invence de farghe fare el corso de centrainista e segretaria d'azienda i ò à mandà a snetare cessi e latrine, in kuanto ke el personae efetivo dee kaserme se tuto inpegnà a stropare i busi tel sofito, da indove ke viene drento: "vento, piova e pantegane grandi come lievori". Di consaguensa quando kel tornarà da vialtri el sarà speciaisà in pulissie delle varie località miitari, e co i eo takarà al centraìn el deventarà mato a vedare tute kee lucete e sentire i campaneeti ke sona. Non paraltro spetelo in kontumancia ke kol riva (no jiji, ma Baldo Bildo) el te kontarà mellio yoù (nel senso de 'elo') [no elocotaro parò]. Nel fratempo le strapassade di cueste ultime jornade mi gano takato una torse del porkko e fuory ke la sto curando con un siroppo a base de graspa, nocino e Fuoco del'etna ! Risultati: notevoi par la torse, tragiky par le corde vocai, ea ugoea e ee tonsie (ke i me ga tajà da pikoeo paraltro). Intanto mentre ke sono in terapia col siroppo dovrò evitare de fare abusi alcoici, cussì ke riesso a vere qualke sprasso de lucidità (anka se romai me capita sempre pì spesso de vere i sprassi de lucidità mentre ke sono imbriago, pitosto ke mentre ke sono sonbrio (citadina dele Marke sittuata rente a Sanmorris)) nel kontempo del cuale (* 'cuale' è rifferito al complemento avverbio 'sprasso de lucidità' *) provo a skrivare kueste memorabili righe con le quali ti saluto e qua e là, e cussì e colà. Mi rendo conto intanto ke nela (no queo ke joca koea (no quea del can) Roma) tua 'reprensibbile etara ai (voce del verbo 'te me fe mae velliako porko de un mascalsone farabuto !') dismentigato candidamente la jerarkia aljebrika che dice ke prima bisogna aprire le graffe, dopo le quadre, infine le tonde (pensiero filosofiko = su sta jerarkja se podaria stare a discorare molto anka parkè noea tien in konto ke al mondo no ghe se soeo graffe, tonde e quadre, ma ghi n'è anka de mellio; ma questo discorare ci portarebe tropo lontano, alora torniamo a noi !). Komunque, alora, in definitiva fay cuelo ke vuoy 'kè in ultima no è [diverso da queo dea barka carga de bestie) ke la jerarkjya aljebryka sia molto 'portante par li usi termonucleary e 'pistolari (nel senso de corispondenti). Kome ke notaray dala graffia incerta e trambalante io sto skryvendo pì in freta ke sò par objdire al tuo P.S.M., ma ciò va a dano dela comprensione, paraltro no vorey may ke ti venisse el morbin parkè penso ke se scropono ke ai (vedi indietro) le fassine al skoverto ti mandano a kkasa in icensa di convallesensa, kche forse sarebe (= sarippia) mellio; ma non si sa mai indove ke sija il pesse, kome ke diseva il mitico Pissokaro a proposito di colui ke pescava in te sula gronda (molto noto, il Pissokaro, anka per la sua imprecassione favorita: kel... stramusso ke à fato squola a molte generassioni di imprekatory).

Inverekondamente mi ramento ke ò anka una notissia cronkreta da farti a portare di konossensa:;.,*$ etc. etc. dopo ke io mi ò crompato giaiy okinss (del cui tu jà sapevi), mia sorela mi ga crompato l'ultimo rufaldo elepì dei...Parapàpà (trombe, tromboni e ruli de tamburi) *THE CLASH* ke si intitolirebe: cat de crep ke no ò idea de cossa ke vollia dire. Mentre ke te skcrivo l'ò skoltato solo una volta e no te digo gnente, ma gnanka no taso; insoma la 1^ volta ka vieny in icensa, vieni a sckoltarlo! (se ai vollia, e senò mellio ke a skoltarlo se sconsuma! ah,ah!ah!)#

E NO GUARDARMY KO KUELA FAC:IA DA KOMBATIMENTO KE DOVREY 'VERLA YO, PITOSTO ! come ke diceva essio kamoe.

KONSILLY: (1) gheto magnà el paneton del zio kanon, sta tento ke te vien fora i brufui (2) Metete suso ea fanea ke te ciapy fredo (3) se te vè in jiro in bilcicreta metete un jornae tea pansa, ka no se ferma l'indigestion (4)sara e kontrofinestre, staka el riscaldamento e sara el gas e inciava ea porta ko te vè in jiro!

CITASSIONE:
'Liela molate di rompare i kolliony là dietro' (Ivan cuando ke va in jiro in makina e dietro monta dei rompikolliony)#
CITASSIONE 2^
'Dopo un jorno di lavoro

l'era stanco come un mulo... me lo mise tre volte nel kulo

elajula lajula lajula lajà'

VALE ANKA KOME

PUBLICITA' dei AMICI MIEI ATTO III.

KOMUNCUE IO PREFERISKO CUESTA: 
'Bimbe bele fac:iamo l'amor...
k'è la cossa più bela del mondo...
ki non chiava nel tenpo fekondo...
kuando è vekio lo ciapa in tel kul...
tel kul...tel kul...

OPURE ANKA KUELA KE SCOMINCIA CUSSI': 'E mi, e ti e Toni...

KON KUEL KE NE SEGUE

NE AVREY UN ALTRA CON CARATERISTIKE SOCIAI MA LA TENGO PAL PROSSIMO JIRO. POESIA DEL NATTALE: E' NATALE, ESULTA ZIO PASQUALE/E' PASQUALE, ESULTA ZIO NATALE/ESULTAN MICA MALE/KE SIOKESSA MADORNALE. (by LINUS)

PROVERBIO SCAPILLIATO: E' finito il vekio ano, ke à portato anka un bel dano!
E' rivato l'ano novo ke ne brusarà sul fogo!
Stemo male o stemo ben, 'ndemo in leto ke konvién!
KUSSI FINISCO, SALUTI E BACCI, PAGA LA MULTA E TACCI =>(come ke mi diseva mia mama quando ke ero zovane)

ARILEGERCY Ivan Sergio Ciao!

precedente indice successiva