precedente indice successiva
Mitt.

All. Uff. BOESSO IVAN
Scuola delle Trasmissioni G Perotti
via dei Genieri 287
00143 Cecchignola Roma

Roma, 21.10.92

Cari colleghi,

ansi ess-colleghi, sono qui butato sul posto sbranda che speto che mi venga la freve parkè mi gano fato le spunture del vacino come ale vake di Toni Meoni quando che fano il late vacino. Sto sercando di catare una posizione da qui che mi riesse di scrivere, e noè tanto semplice. Questo parkè se meto la pena in piè come desso, dopo un cicinin no scrive altro. Riprendiamo a skrivare: prima me jera vignudo sono e mi sono indormensato e dopo sono stato al parlatorio, al mangiatorio e al teefono parkè mi gano ciamato da basso e no savevo gnanka kikefosse. Però dopo me lo hano dito. Fuori jocano alle partite del balone, kome ke dyrebe Carlos Santana, noi invesse nienteparkè senò li ansiani ci batono sula testa co lelmeto da guera. Qui c'è due corsi: uno ke è li ansiani e uno che siamo noi. Li ansiani sono kuà da prima ma sono tuty più jovani di me e mi parono Icio picoeo ke ga siè ani e meso indrio man. Però sono ansiani e c'è la festa dell'accettassione che bisogna scrivare la letara al nono dicendo, mio caro papà salutami il nono e la nona e tanti saluti a mama! Lui però, il nono, si offende e ti rispedisse a casa il plico della letara epistolare e poi ti dice: Orco qua e anka là fane un'altra gioventù del porko e fuori che no sapete esare buoni a scrivare che mi parete Icio Lorejan quando che scrive le storie a fulmety! Al proposito vorey proppio savere se si siamo stati pubblicati incora e come che procedaressiro le operazioni di disegnamento dely altri story ke si erano scrite prima di desso. Mi farebe piacere sapere ke syamo romai noti in tuto l'universo mondo e astrolabio ke siamo i pì grandi disegnatori scritori prima di Edika e dopo Tazio Mattazza For Yù. Wir sind die Turken von morgen. Invece di... Non mi ricordo più! Come vedeste anke dala data ke noè l'Oli data, in quanto ke questa è una cosa diversa e non riesco a sconcentrarmi parkè c'è uno ke kanta Kajo Ballioni e non è una cosa seria. Comunque sono qui da due setymane e no ò avuto tanto tempo fino a oje parckè ci fano carare di e note come ka cuorrea Menea e dopo kuando ke è sera mi viene fame e anke sono e dopo viene il controapelo ed è come talliarsi la barba a secco o farsi una docia freda co l'akua, per dire. Però è anche diverso, volendo. Desso, ansi dopo che ci ano acetato, di vinile, i ansiani, possiamo 'ndare in sala convegno a studiare e anka a vardare i filmi polnografici sul schermo jigante che è come di stare al cinema Diana a Ponteroto che dopo ci ano fato il Bumerang e ci 'ndavano tuty i drogati, come li ciama Simone Regasso, e un po' ci andavo anka io e una sera, alla festa del sio canone c'erano le balerine seminude che erano la che balavano ed era tuto un qua e la e una roba che e mellio che non ci penso. In questa etara non scrivo gnente di queo che è capitato e ve lo scrivarò pì in vanti, ma no è stato molto male par ora el problema se el fisico che no tien bota parkè i me fa corare co setanta kii de peso indosso soto ea piova e col maltempo e uno sofre, come Adriano e anka di più. Vi posso contare che prima di tuto c'è l'istrutuato, che non è parente de joanin Turato ma è na roba come che mi contava Lodorgo che uno siga e nantro ancora de più e siga ke te sigo finchè vien sera e no ciò pì la vosse. Par fortuna che scrivo cussì potete legere e no stare a sentire. Serto è che col fato che ò la esperiensa de diese ani de curva Nord, a sigare no mi katto nianca male, el pobblema el se che kuando che go da fermare el ploton a digo vanti mars e co go da farli jirare a destra digo "'ndè a sinistra mandria de bufai del'ostia" e na volta uno è ussito dal'inquadramento e mi ha fato capire con estrema gentilessa che avevo sballiato qualkosa: risultato due injessature, venti punti di sutura e un'aspirina par farne passare ea tosse da fen ke mi è venuta in seguito. Desso in kamarata takano la radio par sentire e partie del balon di cui disevo in precedenza. Sikome ke syamo in tanty e non ci laviamo che sei volte l'ano, c'è una spussa insopportabile e tuty dicono: e ma ke spussa, bisognerebe lavarsi di più; ma nessuno si lava e tuty continuano a spussare in maniera indiferente. Torno a dirvi che avrei caro che mi dicettero se syamo pì famosi di prima, vi auguro una buona permanensa a Lucca, che quando riva la letara ci siete jà stati e avete anche parlato co Luka Bosky. Io ò visto che Via di Villa Emiliani è ai Parioli e mi pare strano che è là che c'è Totem comunque quando ciò tempo ce vado a vedè Roma ke semo stranieri. A prescindere...

Ivan che sono io anke se non si capisse tanto

precedente indice successiva