precedente indice successiva

Krose de Altichiéro 27.11.92 (santa paga)

Oviamente a so' l'ultimo dei scrivani parckè a diferensa dei miei coleghi ciò un po' de pì de robe da fare mentre jòri che si menano la tega tutaldì, nele pause di rafredamento imbratano il follio con un sacco di minchiate. E non è quindi par kativeria, ma se me meto a crivare in mackina mentre che so' in autostrada se fàssie che me taca drio un tir, che sel gà ea targa rumena me toka teefonare dal lago Balaton. El problema sarìa trovare un teefono ke vaga coi sento franki. Podarìa senpre 'ndare a canbiare e carte da mìe, ma vaghe ti a dire aun romeno coi genitori asasèri e i fioi mongolòidi ae undese dea sera: ciò facia da tartaro! Geto moneda? come minimo el me lava el vero dea mackina e dopo nol me cambia un casso, ansi secondo mi el me ciava na roda. Parkè sicome kel gaveva un magasìn abusivo de autoricanbi, tuto kueo ke jera automobilisticamente rilevante eo portava 'tel magasìn e dopo ghe jera so' nono di origine partenopea ke aministrava e tegneva i kontati koi fornitori rapresentanti. Insomma dai e dai el me ga fato ciamare col so teefono a karburo e me ga isposto una gentile sinniorina dela ambassiata Italiana del posto ke me dovevo presentare la dopo diese minuti. Vago a pìe parchè jèro sensa na roda e par la strada kato kueo del TIR ke me ga fato kapire co' dei siesti ossieni kel 'ndava in ITALY, mi no meo so fato dire do volte me so tacà dedrio e via! Quando sono siéso a Mestre il casellante me voeva far pagare el billieto ma sicome non lo gavevo ritirà dovevo pagare dala stassione più lontana. Fortunatamente, mentre jerimo drio discutere se rivà na banda de teròni con acento marcatamente rovigoto ke ano (v. avere) sepeito di parole il conducente del casello per la scarsa creansa dimostrata nei miei confronti, ke non si tratano così i esstracomunitari (solidarietà etnica), al ke mi sono incassato come un folpo e go tacà spùare dapartuto come un lama apunto, mandando tuti nelo sfintere dei genitori rispettivi e corendo come un mato go riciapà el TiR ke mi era sfugito, ritornando casa e mandando tanti impròperi a ivaH BOESSO el reciòn ke se drio fare ea naja Roma coa freve, ke par skrivare se capità un casìn.

Par resto 'ndemo ben, quando viento casa?

ara no' rompare i cojoni ai veci ke ite ìga pae baeote, e non vardare massa filmeti parkè dopo el fisico ne risente e te deventi cieco (come ke dise i preti).

No sta imparare a fumare i canéi che te va el sarvéo in papa (gnente a ke vedare co' karòeo). Dopo e rakomandassiòn e incitassiòn. Visto ke te si roma, buta un poke de bonbe ai magna-magna del governo ladro e specialmente se te vedi Bernini tiraghe un frako de mandarini, co cràssi basta anka dei sassi e par de Mita meteghe ea testa sol kùeo de na pita (= Tàkina).

ARVUA' MESSIO'

Maurizio

PS: la caligrafia non si toka, sìo can!

precedente indice successiva