lira turcaTurchia

Riepilogo

Periodo: 4-28 agosto 1990
Durata: 25 giorni
Mezzo: auto (Fiat Ritmo)
Spesa tot: Lit. 800.000 ca.
Valuta: Lira turca
Km percorsi: ?

Diario

  1. sabato 4 agosto
    Partenza da Padova alle 2 del mattino. Colazione in un bar, pranzo in una piazzola dell'autostrada. Dalle 15 alle 17 in spiaggia ad Ostuni: onde altissime; imparo a mie spese che non è sempre prudente allontanarsi dalla riva quando la risacca è forte. Alle 17:30 a Brindisi; cena in una pizzeria locale. Lunga coda per il traghetto delle 22; dopo molte peripezie riusciamo ad imbarcarci! Partenza alle 22:30.

  2. domenica 5 agosto
    Arrivo a Iougomenitsa verso le 7 (ore 8 locali). Passando per Ioannina (con il lago omonimo) si arriva alle Meteore: giro nei dintorni dei monasteri più famosi (ma non entriamo). Per Trikala e Larissa si arriva a Salonicco; sosta in campeggio ad Asprovolta, 80 Km prima di Kavala.

  3. lunedì 6 agosto
    Partenza 9:40. Per Kavala e Xanthi fino a Komotini: pranzo con insalata greca e souvlaki. Sosta a Peplos per il primo caffè alla turca! Arriviamo al confine alle 15:40 ma riusciamo a passare solo alle 18:20, dopo una lunga attesa, in coda, sotto un sole cocente. Alle 20:30 in campeggio poco prima del Marmara Ereglisi.

  4. martedì 7 agosto
    Colazione in campeggio, partenza alle 9. Alle 10:30 siamo finalmente ad Istambul! E' tutto vero: la storia secolare che vi si respira, gli antichi fasti, il caos di uomini, e mezzi... Parcheggiamo l'auto in Millet Caldesi; visitiamo l'Ippodromo, la Moschea Blu e, dopo pranzo, l'incredibile Yerebatan Sarayi, l'enorme basilica-cisterna usata dagli imperatori romani come riserva d'acqua; poi la meravigliosa basilica di S.Sofia ed il Gran Bazar. L'ostello cittadino è al completo, però ci consigliano il bel Hotel Ottoman, che raggiungiamo in taksi attraverso le vie tortuose dei quartieri che scendono al porto. Cena tipica in una sorta di self-service, poi giro serale verso S.Sofia. Verso 1/2 notte ci facciamo una birra (Efes naturalmente!) ed ammiriamo due splendide auto americane degli anno '50, una Dodge ed una Bel Air: due locali ce ne vogliono vendere una per 7.000 dollari!

  5. mercoledì 8 agosto
    Visita al Topkapi, il palazzo dei sultani, dove un tempo sorgevano le residenze degli imperaori bizantini: raccolte di vasellame, supellettili, vestiti, Corani miniati, armi, reliquie del Profeta, pietre preziose di dimensioni incredibili; bella vista sul Bosforo; padiglioni sfarzosi e piscine zampillanti; niente visita all'harem per la troppa gente. Pranzo lungo la via centrale; viviamo il brulichio intenso di gente nei vicoli interni. Si lascia Istambul alle 17 in direzione del Mar Nero. La strada è impervia, piena di buche, ma ci regala visioni pittoresche: un mercatino isolato fatto di capanne di frasche, mucche per la strada, un accampamento di zingari col tipico carro. Arrivo a Sile al camping Kumbaba verso le 20:30. Cena in un ristorante semideserto, ma allietati dalle note del Pyanist Mato! Che, accompagnato dal clarinetto, suona musiche arabe.

  6. giovedì 9 agosto
    Presso il campeggio c'è un fiume: lo si passa con un traghetto tirato a braccia e si arriva ad una bella spiaggia sul Mar Nero: fantastico bagno, onde alte! Il traghettatore è anche guardiano di un gregge di pecore che, di tanto in tanto, invade il campeggio. Si parte a mezzogiorno in direzione di Ankara. Il viaggio è rallentato dai numerosi camion presenti ovunque sulle strade, antiquati; carichi all'inverosimile, arrancano lentissimi in salita. L'ambiente è molto verde, coltivato a grano, poi la strada sale e compaiono boschi e brughiere. Dopo aver passato Izmit, Düzce e Bolu ci fermiamo all'hotel Cam a Kizilcahamam, verso le 20:30. L'hotel è molto bello, in mezzo ad un bosco di pini, all'inizio di una valle montana. Cena ottima e abbondante in un vicino ristorante.

  7. venerdì 10 agosto
    In albergo a colazione c'è una squadra di calcio in ritiro. Partenza 10:25, alle 11:30 ad Ankara: lasciata l'auto vicino al tempio di Augusto, visita alle terme romane ed al museo delle civiltà anatoliche, molto bello. Ripartiamo alle 18 e, sorpresi dal buio nelle regioni centrali, coltivate a grano, ci fermiamo alle 21:20 in un hotel a Kirsehir. Ceniamo al ristorante dell'albergo.

  8. ticket nevsehirsabato 11 agosto
    A Gülsehir visita alla chiesa si Karshi Kilise, scavata nel nel tufo; più avanti, il complesso monastico di Açik Saray; il sole è implacabile . Ad Avanos per pranzo (piccante!), poi al ber caravanserraglio di Seriha, in tufo giallo. Al villaggio rupestre di Zelve, con enormi camini di fata. A Çavus'In, a metà di un'alta muraglia rocciosa, l'omonima chiesa scavata nel tufo; aggirata la chiesa si sale sul pianoro sovrastante e si gode di un panorama molto ampio, che assume fantastici colori rosati al tramonto. La sera in campeggio a Göreme. Mangiamo fagioli in padella tra formazioni rocciose e sembra d'essere nel vecchio West; un po' meno quando la voce del muezzin ti sveglia nel cuore della notte.

  9. domenica 12 agosto
    Visita alla vallata di Göreme, con le magnifiche chiese rupestri: peccato che la zona sia affollatisima dai turisti. Pranzo a Nevsehir; visita alla città sotterranea di Kaymakli; giro per i fantastici paesaggi intorno ad Ürgüp; breve sosta con esplorazioni a Üçhisar. La sera si ritorna a Göreme, dove ceniamo in un ristorante presso il campeggio.

  10. ticket konyalunedì 13 agosto
    Partenza alle 10; per Nevsehir si raggiunge il caravanserraglio di Agzicara Hani, presso Aksaray. Da qui in poi si passa attraverso una steppa desolata, senza coltivazioni. Prima di Sultanhani ci fermiamo a fotografare un campo nomade con due bambini che pascolano le pecore: ci assale un'orda urlante di bimbetti sbucati dal nulla che reclamano penne e bombon. Visita al caravanserraglio di Sultanhani. Pranzo in una piazzola di sosta all'altezza di Kizören. Arrivo a Konya alle 15:30: visita al monastero di Mevlâna, fondatore dei Dervisci Danzanti. In giro per negozi, comperiamo un servizio da te. La sera in un campeggio in pieno centro,vicino allo stadio. Cena in un ristorante poco lontano.

  11. martedì 14 agosto
    Colazione in una pasticceria di Konya. Partenza alle 09:30; si attraversa una regione montuosa coperta di boschi. Pranzo al sacco in mezzo ad una pineta. Una lunga discesa porta ad Antalya, dove arriviamo alle 19:30. Ci stabiliamo all'ottimo Erman Kamping, ad ovest della città, presso Beldibi. Cena in un ristorante poco distante, sulla spiaggia.

  12. mercoledì 15 agosto
    Relax totale sulla spiaggia del camping. Il sole è cocente, ma a dar fastidio è il tasso molto alto di umidità che rende l'aria soffocante sin dalle 7 del mattino. Sera cena al vicino paese di Kemer.

  13. giovedì 16 agosto
    La mattina ad Antalya: il bazaar (niente di speciale), il pittoresco mercato, la porta di Adriano con le mura romano-bizantine. Visita ad un bel negozio di tappeti kilim. Pranzo in campeggio e pomeriggio in spiaggia. La sera si cena in un ristorante sulla via che collega l campeggio alla statale.

  14. venerdì 17 agosto
    La mattina accompagnamo uno di noi all'aereoporto di Antalya (deve rientrare prima in Italia). A mezzogiorno si parte verso ovest. Sosta a Finike per uno spuntino. Si segue la strada costiera: si susseguono magnifiche calette con mare cristallino e naturalmente ci si ferma in una di queste, deserta. Alle 18 fermata al camping di Kas, su terrazze degradanti sul mare. Cena a base di pesce; acquistiamo due tappeti sumak in uno dei tanti negozi, dopo una lunga contrattazione (qui è d'obbligo): mentre si discute un inserviente ci offre tè alla mela.

  15. sabato 18 agosto
    Colazione in un bar del paese. Ci dirigiamo verso Kalkan alla ricerca della grotta marina di Mavi Magara, ma non la troviamo. Ci fermiamo però alla stupenda spiaggia di Kaputas, con acqua di smeraldo ed onde altissime! A Kalkan pranziamo con frutta ed una strana pizza comperata a Kas. Verso le 16 siamo a Fethiye: per cercare la famosa spiaggia ci inoltriamo lungo una strada impervia che ci porta alla strana città fantasma di Kaya ed infine ad una spiaggia anonima e deludente. Torniamo indietro e troviamo un'altra spiaggia (normalissima) ad Ölü Deniz. La sera in un campeggio vicino alla spiaggia, a conduzione familiare: due donne anziane ed una giovane, in abiti tradizionali, stanno tutto il giorno in cortile su di una specie di baldacchino. Cena in un ristorante poco lontano.

  16. domenica 19 agosto
    Colazione al bar del campeggio, poi si parte in direzione nord. Pranzo con Pizza a Mügla. Alle 16 siamo a Didyma dove visitiamo il grandioso tempio di Apollo, sede di un famoso oracolo. Un bagno alla vicina spiaggia, poi all' Alì Kamping, gestito da un simpatico tedesco; una mula, Rosy, scorazza tra le tende, ci divora l'anguria che avevamo comperato per cena e rosicchia un asciugamano. Cena in campeggio.

  17. lunedì 20 agosto
    Partenza alle 10:15. Colazione a Mileto e visita al sito archeologico sotto un sole implacabile. Quasi disidratati calmiamo la sete con una Efes gigante. Pranzo con pizza al bar della stazione delle corriere a Söke. Bagno in spiaggia a Kusadasi ed un altro sull'alta scogliera lì vicino. La sera al campeggio sulla spiaggia e cena in un vicino ristorante, con cani che scorazzano ed un colorito cantante folk.

  18. martedì 21 agosto
    Niente bagno mattutino nella bella piscina del campeggio perché i maledetti ci vogliono far pagare un sovraprezzo. Alle 11 siamo a Efeso. Il sole picchia duro ma le rovine della città greco-romana sono magnifiche: le strade lastricate in marmo, i colonnati, la mitica biblioteca, le case patrizie riportate da poco alla luce. Pranzo alle 16 a Selçuk. Alle 17:45 passiamo Smirne; verso sera, dopo molta indecisione, sosta in un campeggio tra Foça e Yenifoça.

  19. mercoledì 22 agosto
    Si va in una spiaggia sassosa, presso Yenifoça, alla quale si accede attraverso un declivio coperto da fitta vegetazione, situata a nord del campeggio. Di fronte sorge un isolotto. Il sole è implacabile, l'acqua molto bella, il fondale basso e ricco. La scogliera a sinistra è di roccia bianchissima e friabile. Vediamo anche un polipo. Alle 16 a Yenifoça per il pranzo. Si riparte alla 18 e ci si ferma al bel Berksoy Kamping, appena prima del centro di Pergamo: è dotato di piscina, che usiamo prontamente. Cena self-made in campeggio.

  20. giovedì 23 agosto
    Colazione in pasticceria, quindi visita al sito archeologico di Pergamo: l'Asklepleion e l'acropoli. Di quest'ultima non si vede molto poiché dellla biblioteca restano solo le fondamenta, il tempio di Traiano è chiuso per restauro, il magnifico altare di Zeus se lo son fregato i tedeschi ed ora è a Berlino. Nel pomeriggio vaghiamo per i dintorni di Ayvalik in cerca di una spiaggia soddisfacente, senza successo. La costa è molto frastagliata, ricca di isole e penisole, ma è decisamente impervia. Pasto frugale in un ristorante (le posate al pomodoro!). Rassegnati a lasciare in questo modo la Turchia, quasi ci si dimentica di Troia! Fermata alle 20 all'Iris Motel di Intepe. Cena a base di pesce in un locale del paese.tiket troia

  21. venerdì 24 agosto
    Dopo un'abbondante colazione, si dedica un'ora e mezza alla visita di Troia, ridotta a qualche fondamenta di muro. Alle 13 traghetto da Canakkale a Eceabat (mezz'ora). Pranzo a Kesan. Alle 16:30 passiamo il confine ed alle 19:30 siamo a Kavala. Traghetto delle 21 per l'isola di Thassos (un'ora e mezza di traversata): approdiamo a Prinou e ci fermiamo al camping Prinos. Cena con insalata greca in un vicino locale: finito di servire, i gestori con qualche avventore improvvisano danze tipiche (il sirtaki?); da segnalare l'avvenente cameriera.

  22. sabato 25 agosto
    tiket traghetto Kavala Lasciato il campeggio alle 11, bagno dopo Skala Kalirahis: bel fondale di sabbia bianca. Pranzo a Limenaria, poi in una spiaggia vicina, praticamente deserta; il fondale è ricoperto da ricci di mare, entro con le scarpe da tennis! Traghetto delle 19 per Kavala e qui all'Hotel Europa. Cena in un ristorante di pesce al porto.

  23. domenica 26 agosto
    Partenza alle 08:30 e colazione in un paese poco lontano. Tra Kavala e Kerdilia, sul lato destro della strada, sorge un grande leone in pietra, forse romano. Alle 13 pranzo con souvlaki in una trattoria poco dopo il passo di Kastania, tra Veria e Kozani: zona montana molto bella; visita ad una chiesa ortodossa. Dopo un paio di soste lungo la strada per una birra, alle 20 siamo a Iougomenitsa. In attesa del traghetto, che partirà alle 7 di domattina, passiamo la notte all'aperto al camping Sole e Mare vicino al porto. Cena in un vicino ristorante.

  24. lunedì 27 agosto
    Sveglia 04:50; imbarco alle 06:30; si parte alle 7. Il tempo è bello; si fa sosta a Corfù per imbarcare altri passeggeri. Arrivo a Brindisi alle 18 (17 ora italiana). Alle 19:30 sosta a Bisceglie per cena: orecchiette col ragù e pizza! Sosta in una piazzola dell'autostrada tra Ortona e Chieti: veglia alle stelle!

  25. martedì 28 agosto
    Sveglia alle 6; arriviamo a Padova nel primo pomeriggio.