Francia: Costa Azzurra, Provenza, Linguadoca

Riepilogo

Periodo: Agosto 1991
Durata: 16 giorni
Mezzo: auto (Fiat Ritmo Diesel)
Spesa tot: Lit. 1.000.000
Km percorsi: 2.500
Valuta: 1FF=Lit. 223

Diario

  1. mercoledì 7 agosto
    Partenza 08:30 da Padova; dopo una breve sosta per il pranzo, visita al suggestivo borgo di Dolceacqua, in Liguria, con degustazione del vino tipico locale, il Rossese; alle 18 ci fermiamo per un giretto a Montecarlo, ad ammirare lo sfarzo imperante; verso le 21 siamo a Nizza: alloggiamo all'hotel Marbella con vista sul mare. Giro notturno per i bar affollatissimi della città.

  2. giovedì 8 agosto
    Passiamo la mattina sulla spiaggia sassosa di Nizza; pranzo a Vence e giro per il bel centro storico circondato da mura. Breve visita anche ad Antibes e bagno a Cap d'Antibes. A St. Juan-Les-Pins ci fermiamo per la notte al modesto Hotel Le Lys, dove consumiamo una cena frugale con le vettovaglie che abbiamo. La vita notturna è molto intensa: molte Harley, qualche macchina lussuosa, tantissima gente per strada; un paio di locali brasiliani con ballerine sono gremiti.

  3. venerdì 9 agosto
    Piove. A Cannes giro nel centro storico; poi spunta il sole e ce ne stiamo un po' in spiaggia: sabbia fine ed acqua magnifica. Vediamo il palazzo del festival con le impronte delle star sui marciapiedi. Proseguendo verso ovest, attraversiamo il fantastico tratto di costa chiamato Corniche de l'Esterel: forte contrasto di colori tra il rosso della scogliera, il blu del mare ed il verde della macchia mediterranea. Ci tuffiamo dalle parti di St. Raphael tra gli scogli rossastri. A Frejus ci sistemiamo al campeggio dell'ostello. Cena in un ristorante del paese.

  4. sabato 10 agosto
    La notte è stata movimentata da un violento temporale. Dato che il campeggio sta sotto un gruppo di enormi pini, per evitare il pericolo dei fulmini ci rifugiamo per un po' in auto: qualche sciacallo ne approfitta per rubacchiare nelle nostre tende, anche se niente di valore. A Frejus: colazione, visita al battistero ed al chiostro della chiesa. Ci avviamo verso Saint Tropez; trovare un hotel libero è un'impresa, ci spingiamo fino a Cavalaire-sur -mer e qui ci piazziamo al camping Le Roux. Pranzo in piazza del municipio a Cogolin, ed infine ci concediamo un bagno alla spiaggia del Gigaro presso St. Tropez, in una delle tante calette. La sera in giro per il centro ed il porto, dove sono ormeggiate barche da favola.

  5. domenica 11 agosto
    Il campeggio non ha mbra per cui siamo svegli già di buon mattino; ci dirigiamo alle spiaggie: parcheggiamo a Le Blouch che scopriamo frequentata dai nudisti; ci spingiamo a piedi verso sud: le spiaggie più mondane si trovano all'estremo nord del litorale. Nel tardo pomeriggio leviamo le tende; a Giens ci sistemiamo all'hotel Provençal (*** - consigliato). Cena in una creperie del paese.

  6. lunedì 12 agosto
    Dopo una colazione più che abbondante all'hotel prendiamo il traghetto delle 11 per l'isola di Porquerolles (la traversata dura 20 minuti); qui giro con mountain-bike a noleggio e sosta in diverse spiaggie: una cala tra la Plage d'Argent e Presq'ile; alla Calanque du Bregarconnet; alla stupenda spiaggia di Notre-Dame: sabbia bianchissima, acqua cristallina vegetazione lussureggiante con i grandi pini che arrivano fino all'acqua. La sera all' hotel Lunik ad Aubagne. Cena all'hotel Provençal poco distante.

  7. martedì 13 agosto
    Oggi si va a Marsiglia: lasciamo l'auto in un parcheggio vicino alla prefettura e prendiamo il metro; giro per il vecchio porto e per il quartiere di La Vieille Charité; pranzo con spaghetti ed involtini. Nel pomeriggio siamo a Salon-de-Provence e qui al Select Hotel, a gestione familiare, molto accogliente; giro per il centro, molto bello: l'orologio, le chiese, il castello dove una compagnia teatrale sta provando. Ottima cena al ristorante Borg-Neuf.

  8. mercoledì 14 agosto
    Si conclude la visita a Salon: la collegiata, dov'è sepolto Nostradamus, il castello, la chesa. Poi a Cavaillon dove c'è un arco romano; al villaggio di Oppede-le-Vieux; alla stupenda abbazia di Senanque, in mezzo a campi di lavanda; a Fontaine de Vaucluse, dalle "chiare fresche e dolci acque" che sembrano aver ispirato il Petrarca: il corso d'acqua che anima le vie del paese emerge da una grotta ai piedi di un'alta falesia ed ha alimentato per secoli i mulini usati per la produzione della carta. La giornata è molto calda. Nel tardo pomeriggio arriviamo ad Avignone, dove alloggiamo all'hotel Alizéa Paris-Nice. Cena da Flunch. Suggestivo giro notturno per la città, con l'imponente Palazzo dei Papi che occhieggia tra i vicoli; c'è molta animazione: bar, bancarelle d'artigianato, musici, saltimbanchi, mimi, mendicanti.

  9. biglietto scavi di Vaison-la-Romaine
  10. giovedì 15 agosto
    Giro per la città e visita all'imponente Palazzo dei Papi; pranzo da Flunch, poi raggiungiamo Orange: alloggiamo all'hotel De La Gare; vediamo l'imponente arco di trionfo romano, poi cena a Châteauneuf-du-Pape, piccolo borgo a sud di Orange dominato da un massiccio castello in rovina, la cui visione notturna è molto suggestiva.

  11. venerdì 16 agosto
    La macchina ha qualche problema con la pompa dell'acqua, ed il gran caldo non migliora la situazione; proviamo alla Fiat di Orange e da un meccanico a Bollene, ma non si trovano le parti di ricambio. Andiamo avanti comunque, rabboccando di quando in quando. Escursione a Vaison-la-Romaine per gli scavi romani e la basilica con chiostro; la sera torniamo ad Orange, all'hotel Lou Coudoulet: cena in centro; al bellissimo teatro romano c'è l'anteprima mondiale del film Atlantis di Luc Besson, i biglietti sono esauriti così ci accontentiamo di vederne un pezzo spiando da un pertugio.

  12. sabato 17 agosto
    Anche oggi la giornata è torrida. Colazione in un bar a Courthézon, poi a St. Rémy-de-Provence: monumenti romani (Les Antiques: arco di trionfo e mausoleo) che sorgono lungo la strada e visita al sito greco-romano di Glanum. Les-Baux-de-Provence: borgo arroccato su una collina in un paesaggio lunare. Pranzo in una brasserie a Tarascon e visita al suo bellissimo castello: dal tetto un panorama mozzafiato. A Pont-du-Gard visitiamo l'imponente acquedotto romano sul fiume Gardon. La sera siamo all'hotel Savoy a Nîmes; cena da Flunch.

  13. domenica 18 agosto
    Visita a Nîmes: ai giardini de la fontaine gli speleologi hanno prosciugato le vasche scoprendo una voragine che dà accesso ad una grotta molto estesa, in fase di esplorazione; notevoli i monumenti romani: le terme; la Torre magna dalla quale si ha una bella vista sulla città la Maison Carrée, tempio in ottimo stato di conservazione; l'arena ora usata per le corride. Pranzo per strada, a base di frutta. Ad Aigues Mortes una birra per calmare il gran caldo e breve giro per il borgo cinto da mura vicino al mare. A Les-Saintes-Maries-de-la-Mer: siamo in Camargue! Piantiam le tende in un campeggio a circa 10Km dal paese, facciamo un giro nei dintorni a vedere i fenicotteri rosa. La sera giro per il centro, affollatissimo di turisti e negozi, con cena all'ottimo ristorante Le Lavandin. Nella piazza della chiesa 4 inglesi suonano be-bop.

  14. lunedì 19 agosto
    Leviamo le tende e facciam colazione in una squisita pasticceria del paese. Affittiamo le bici e giro per il parco della Camargue, lungo la strada sterrata che corre tra il mare e l'entroterra, popolato di fenicotteri rosa, aironi e tori allo stato brado; arriviamo fin poco oltre il faro - il caldo è notevole - e ci rifugiamo sotto qualche arbusto sparuto pranzando con frutta; ritornando ci concediamo un delizioso bagno rinfrescante fermandoci lungo la spiaggia, sterminata e semi-deserta. Ancora una sosta in paese per reidratarci, poi ritorniamo verso est e, passando per Orange, diamo un'occhiata all'arena romana ed al magnifico portale della chiesa. Torniamo all'Hotel Select a Salon-de-Provence e cena al ristorante già provato.

  15. martedì 20 agosto
    Colazione in piazza e giro per il paese. A Giens ci stabiliamo al campeggio La Tour Fondue, andiamo un po' al mare in una delle calette vicine. Cena in un ristorante del paese.

  16. mercoledì 21 agosto
    Leviam le tende e prendiamo il traghetto delle 10 per Porquerolles, dove passiamo tutto il giorno: colazione al sacco in un boschetto di eucalipti; a piedi fino alla spiaggia di Notre-dame, splendida come sempre ma infestata di tafani; snorkeling a gogo. Nel tardo pomeriggio torniamo sulla terraferma. Un panino gigante al formaggio a Puget-Ville; la sera all'hotel Provençal (si chiamano tutti così!) a Le Luc: il gestore è eccentrico ed ha due figlie splendide.

  17. giovedì 22 agosto
    Dopo colazione facciamo un giro per il paese acquistando un po' di formaggi francesi. Verso mezzogiorno si arriva a Nizza; qui pranzo (da McDonald...) e breve sosta alla spiaggia; si ritorna a casa lentamente, date le condizioni dell'auto; siamo a Padova verso mezzanotte.